hoi4 come salire di livello generali


Risposta 1:

Normalmente direi che non c'è una risposta giusta, ma in questo caso c'è solo una risposta giusta:

Manstein, non è nemmeno una gara.

Guderian è più un tattico che un generale. Questo è probabilmente più importante per lo sforzo bellico poiché le tattiche sono qualcosa che può avvantaggiare l'intero esercito, mentre un generale è buono solo per gli uomini che comanda.

Rommel era solo qualcuno che era molto bravo a raccogliere pubblicità grazie al suo stile di comando "guida dal fronte" che aveva gravi limitazioni, che alla fine lo portarono a essere gravemente ferito in Normandia.

Manstein era un vero genio e molto poco tedesco. I prussiani avevano la reputazione di favorire sempre l'approccio diretto. Manstein ha rotto gli schemi padroneggiando l'approccio indiretto, uno che si adattava maggiormente alla posizione tedesca poiché la Germania era il perdente strategico per l'intera guerra. La brillantezza dell'approccio indiretto traspare in tutte le sue principali campagne in cui ha avuto l'iniziativa:

  • Battaglia di Francia 1940 con il "taglio a falce". Ha attirato le forze anglo-francesi nei Paesi Bassi e poi le ha circondate guidando un altro esercito Panzer attraverso le Ardenne. Questo è un classico avvolgimento di numeri inferiori mossa degna di artisti del calibro di Hannibal e Alexander.
  • Assedio di Sebastopoli 1942 con il suo uso magistrale di risorse aeree, terrestri e marittime per sopraffare la fortezza con perdite minime. I sovietici furono colti di sorpresa dagli sbarchi anfibi, qualcosa per cui non erano preparati.
  • Terza battaglia di Kharkov 1943 con il "pugno di rovescio" contro la punta di lancia sovietica. Questa è un'altra mossa classica "ciò che il nemico meno si aspetta" in cui Manstein ha deliberatamente lasciato che le punte di lancia sovietiche superassero le loro linee di rifornimento, perdessero coesione prima di contrattaccare e distruggere la punta di lancia.
  • Battaglia di Kursk 1943: Manstein spinse con forza per un'immediata offensiva a tenaglia mentre i sovietici si stavano ancora riprendendo da Kharkov. La maggior parte degli OKH sostenne la proposta di Manstein, ma Hitler non lo fece per un insolito momento di esitazione. Oggi, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che un'offensiva immediata a Kursk avrebbe catturato i sovietici con i pantaloni abbassati e avrebbe portato a una grande vittoria tedesca.

Manstein comprendeva i sovietici meglio di qualsiasi generale di Hitler. Sapeva che i generali sovietici erano politicamente costretti a commettere offensive quasi continue contro le linee tedesche ovunque ci fosse una debolezza percepita.

Ragionò quindi che il modo migliore per sconfiggere l'Armata Rossa era intrappolarlo, consentirgli di attaccarsi in sacche preparate dove può essere tagliato e annientato nelle battaglie di accerchiamento. Hitler odiava l'idea perché significava rinunciare alla terra, qualcosa che non riusciva a capire. Questa divergenza di opinioni portò al licenziamento di Manstein e da allora in poi i tedeschi non avrebbero vinto una sola battaglia sul fronte orientale.


Risposta 2:

Sebbene Guderian abbia certamente qualcosa da fare per lui, id dire che la sfida principale è tra Rommel e Manstein.

Detto questo, penso che Rommel abbia perso contro Manstein. Ciò che Rommel fece meglio fu la sua pianificazione e i tentativi di attuare i suoi piani per la difesa della Francia nel 1944, nonché il suo recupero della situazione nel Nord Africa 1940-41. Detto questo, la sua condotta della campagna in Nord Africa dopo il 40-41 ha dimostrato una seria mancanza di lungimiranza mentre cercava continuamente di spingere i limiti e cercava di fare cose che andavano semplicemente oltre le scarse risorse a sua disposizione. Sebbene abbia vinto vittorie, nessuna di esse fu veramente decisiva e le sue mosse gli fecero solo espandere eccessivamente le sue forze e le loro linee di rifornimento che si concluse con la disastrosa ritirata e l'evacuazione del Nord Africa nel 1942-43. Allo stesso modo, la sua difesa della Francia nel 1944 era piuttosto priva di ispirazione mentre gettava le decantate divisioni Panzer nella mischia frammentario piuttosto che cercare di costruirle per un attacco adeguato. È vero che molte delle sue azioni furono limitate dall'alto comando e dal controllo aereo degli alleati (per non parlare della possibilità che Rommel stesse combattendo male per aiutare gli alleati con la speranza che gli alleati acconsentissero ad aiutare i cospiratori contro Hitler e porre fine alla guerra senza che i russi raggiungano il suolo tedesco) ma si è comunque rivelata una prestazione scadente da parte sua.

Per quanto riguarda von Manstein, ha probabilmente il record più impressionante di qualsiasi comandante militare moderno poiché era il principale architetto dell'invasione della Francia, catturò Sebastopoli e la Crimea nonostante le lunghe probabilità contro di lui, distrusse un grande esercito sovietico vicino a Leningrado e probabilmente avrebbe conquistato la città se Stalingrado non fosse accaduto più o meno nello stesso momento. Ha abilmente districato le forze tedesche, meno la 6a armata, dall'intrappolamento dei sovietici sulla scia del disastro di Stalingrado e ha continuato a contrattaccare contro di loro in un decisivo contrattacco a Kharkov e dopo la battaglia di Kursk doveva guidare uno dei le più abili ritirate di combattimento della storia fino a quando fu licenziato dopo ripetute discussioni con Hitler nel 1944. Le uniche macchie sul suo record sono la sua incapacità di salvare la 6a armata a Stalingrado e il suo fallimento durante la battaglia di Kursk, ma entrambi erano dovuti sia all'incompetenza da parte di Hitler e dalle circostanze opprimenti che dovette affrontare in entrambi i casi. Per questo motivo von Manstein ha il mio voto.


Risposta 3:

Tutti meravigliosi generali sotto i loro aspetti. Personalmente direi che Guderian è un comandante di carri armati molto migliore degli altri due mentre Rommel è sicuramente un comandante generale molto migliore degli altri due, e infine Manstein è un comandante strategico molto più ampio.

Guderian ha scritto un libro sulle tattiche di Panzer e ha parlato delle forze armate tedesche, ne è stato letteralmente l'architetto. Fu tuttavia licenziato dal suo comando in prima linea dopo aver tentato di ritirarsi in una migliore linea difensiva per l'inverno dopo la battaglia di Mosca, che era fallita a causa di Hitler che prendeva i suoi ordini sui suoi generali.

Rommel ebbe molti più favori, ma ebbe comunque i suoi brutti giorni. Alla fine ha comunque perso sia in Nord Africa che in Francia, anche se entrambe le cose sono decisamente fuori dal suo controllo, a causa di coetanei e superiori testardi (gli italiani in Nord Africa; Rundstedt in Francia). Come Guderian, aveva anche scritto un libro, sebbene il suo fosse sulle tattiche di fanteria (da cui il nome: Tattiche di fanteria). Rommel aveva avuto successo contro Monty ma alla fine morì a causa dell'ingresso degli Stati Uniti e della compagnia attraverso l'Occidente nel 1942, insieme a una diminuzione della distribuzione dell'attenzione e dei rifornimenti da Hitler. Per non parlare di Rommel ha dovuto affrontare il miglior generale di carri armati degli Stati Uniti in Nord Africa, Patton, quindi devi lasciarlo un sacco di tempo.

Non so molto su Manstein, a parte il fatto che ha progettato il piano per attraversare le Ardenne per conquistare la Francia. Anche se questo era estremamente importante, è stato più un colpo cieco di fortuna e la vittoria può essere dovuta al fatto che gli Alleati non erano abbastanza competenti per difendere la foresta delle Ardenne.

Se dovessi classificarli, direi

  1. Guderian
  2. Rommel
  3. Manstein

Se dovessi valutare la loro importanza per la guerra in quello che hanno effettivamente FATTO, direi

  1. Manstein
  2. Guderian
  3. Rommel

Risposta 4:

Tutti e tre sono cambiati allo stesso modo con il vento. Von Manstein, dopo l'invasione della Francia da parte di Hitler, perse contro i sovietici sul fronte orientale. Rommel è stato preso a pugni dalle forze alleate in Africa, nonostante i suoi numerosi tentativi e il vantaggio sul campo di battaglia (il paradiso della blitzkrieg). Guderian era, sebbene gran parte dell'offensiva contro la Russia, un generale altrettanto buono.

Il motivo per cui dico che sono cambiati con il vento è perché le loro circostanze sono diventate sempre più disastrose verso la fine della guerra. Prima del 1941, la Germania aveva completamente cancellato qualsiasi cosa sul suo cammino; non era nemmeno una gara, un semplice massacro. Dopo che i sovietici iniziarono a produrre più dei tedeschi, le cose diventarono piuttosto disastrose sul fronte orientale ed è qui che caddero Von Manstein e Guderian. Tuttavia, non dobbiamo sbagliarci. Entrambi hanno avuto gli stessi successi nell'invasione della Polonia (ma voglio dire dai, è stato un gioco da ragazzi) e nella Battaglia per la Francia. L'unica cosa che devi capire è che l'inizio e l'avanzata territoriale della Germania vicino all'inizio della guerra ha lasciato gli Alleati in una posizione dannosa e orribile.

Pensaci, i tedeschi avevano avanzato e rimilitarizzato la Renania, avevano ripreso il Lebensraum e avevano decimato i francesi all'inizio della guerra. Ovviamente, hai avuto il tuo palcoscenico ovvio che è stata la Battaglia per la Gran Bretagna secondo me e, infine, il gran finale per la Germania, ovvero l'avanzamento delle forze sovietiche sul fronte orientale.

In conclusione, devo dire che il vincitore è Erich Von Manstein perché è stato il grande architetto dell'invasione della Francia e il suo passaggio in Polonia ha permesso alla Germania di iniziare davvero i suoi progressi colossali. Un altro motivo per cui è il migliore su tre è la sua capacità di recupero contro i sovietici sul fronte orientale. Certo, i tedeschi furono decimati sul fronte, tuttavia, dovete rendervi conto che erano quasi doppiamente in inferiorità numerica da forze che sapevano come combattere blitzkrieg e panzer tedeschi.


Risposta 5:

Una domanda buona, ma difficile a cui rispondere perché tutti collaborarono ampiamente, in particolare all'inizio della guerra (1a offensiva delle Ardenne, 1940, per esempio). Guderian era uno dei primi tecnici, ad esempio integrando e innovando l'uso delle comunicazioni tra carri armati / armature con la radio. Rommel era giustamente famoso come "Desert Fox" nel nord Africa, ovviamente. Tutti e tre sono stati brillanti sul campo di battaglia, ma generalmente sono d'accordo con il commento di Jay, sopra, che si trattava di Von Manstein. La sua strategia e la sua esecuzione nella terza battaglia di Kharkov (un esempio), considerando la massiccia superiorità negli uomini e nel materiale che i sovietici avevano, per non parlare delle dimensioni gigantesche, erano brillanti. D'altra parte, la battaglia di Kursk (operazione Cittadella), in cui era uno dei comandanti principali, fu un disastro, ma ciò dovette essere mitigato dal fatto che gli fu ordinato (e attentamente sorvegliato) da Hitler di eseguire tattiche temerarie come attacchi frontali a posizioni difensive massicciamente preparate (in profondità). Hitler in seguito lo sollevò dal comando, che era probabilmente una delle cose migliori che accadessero per gli alleati verso la fine della guerra. Il figlio di Von Manstein, Gero, fu ucciso sul fronte orientale nel 1942. Von Manstein sopravvisse alla guerra.


Risposta 6:

Manstein è stato il migliore in ogni parte della guerra. Era un genio militare e compiva piani sorprendenti e imprese contro avversità schiaccianti, come il piano di blitz attraverso le Ardenne nella battaglia di Francia, la riconquista di Kharkov sul fronte orientale anche dopo il disastro di Kursk. Fu anche l'unico generale a Kursk a ottenere un successo significativo e ad essere fermato da Hitler mentre continuava a guidare. Era anche un maestro della ritirata tattica sotto estrema costrizione. La forza di Guderian era la sua capacità di pensare al futuro durante la battaglia e andare avanti verso obiettivi predeterminati. Rommel d'altra parte potrebbe distrarsi e demoralizzarsi nelle offensive. Tuttavia, era sempre pronto a riprovare, ricorrendo a movimenti di annunciatore ai fianchi collaudati nel tempo. Anche se il nemico New the stava arrivando, erano ancora scioccati e sopraffatti dall'audacia di Romnels e dai movimenti magistrali. Era uno dei pochi generali in grado di ripetere le stesse commedie del suo libro di giochi e di avere successo anche se non rimaneva alcun elemento di sorpresa.


Risposta 7:

In guerra, ci sono diverse aree dell'organizzazione militare: strategia, operazioni e tattiche. Rommel era un brillante tattico e probabilmente il più audace dei tre, Guderian era sia un brillante tattico che un generale operativo e un innovatore nella guerra tra carri armati. Ma Manstein era il generale strategico. In definitiva, durante la guerra, la Germania è stata tatticamente di gran lunga superiore a qualsiasi forza alleata, basta guardare il rapporto di uccisioni tra le morti dell'Asse e degli Alleati a causa della guerra dei carri armati. La Germania perse la guerra strategicamente, e il 90% di ciò fu dovuto a Hitler e alla sua priorità dell'ideologia nazista sul vantaggio strategico. La strategia di Manstein avrebbe salvato la guerra in Oriente, la tattica di Rommel avrebbe vinto la guerra nel Mediterraneo e il Muro dell'Atlantico se Hitler avesse avuto il senso strategico di dare a Rommel più divisioni in Africa e non minare il suo piano per difendere l'Europa dall'invasione alleata della Francia. Rommel non aveva senso strategico, aveva la brutta abitudine di estendere le sue linee di rifornimento.


Risposta 8:

La parola migliore è un termine così nebuloso.

È difficile immaginare che un leader tedesco svolga un lavoro più efficace di quello che fece Rommel in Nord Africa, data la scarsità di forze e rifornimenti che aveva a sua disposizione.

Guardian ottiene un punteggio elevato come visionario che inizialmente ha organizzato le forze armate tedesche. Ha anche svolto un ruolo primario nelle vittoriose campagne tedesche contro la Polonia e la Francia.

Von Manstein è considerato dalla maggior parte degli storici militari come il miglior comandante tedesco quando si tratta di guerra operativa.

La mia conclusione è che entrambi sono stati estremamente efficaci nei rispettivi ruoli in cui hanno interpretato durante la seconda guerra mondiale. A livello di divisione, selezionerei Rommel. A livello di corpo e esercito, sceglierei Von Manstein. In quanto pensatore strategico, Guderian eccelleva. Quindi quello che sceglierei dipenderà dalla missione.

Alla fine, le loro abilità (fortunatamente) erano insufficienti per portare la vittoria in Germania nella seconda guerra mondiale. Infine, collocherei tutti e tre sotto Georgy Zhukov. Era il generale che ha portato a casa la vittoria per il suo paese.


Risposta 9:

Nessuna risposta migliore che fare riferimento a Heinz Guderian e Erwin Rommel. Entrambi pensavano che Manstein avrebbe dovuto dirigere il lato militare delle cose, a livello strategico / multi-operativo (l'hanno affermato entrambi un certo numero di volte). Persino Keitel, molto deriso come "il garzone di Hitler", ha offerto tre volte a Hitler che Manstein avrebbe dovuto avere il suo lavoro (come capo dell'OKW), solo per essere respinto ogni volta.

Qual era l'opinione di Adolf sull'intera situazione? Ha scelto il suo candidato: "Mein Bester Feldmarschall" (My Finest Field-Marshal), Walther Model (il noto specialista difensivo).


Risposta 10:

È un po 'come chiedere, chi è il più importante in un business di successo, design del prodotto (Guderian), strategia aziendale (Manstein) o vendite (Rommel)?

La risposta è che erano i migliori insieme.


Risposta 11:

Senza dubbio, Manstein era il più talentuoso dei tre, combinando come ha fatto brillantezza strategica con impressionanti poteri di leadership come comandante di corpo, esercito e gruppo dell'esercito.