Dal punto di vista del marketing, qual è la differenza tra domini .com e .io?


Risposta 1:

Nonostante l'introduzione di molte estensioni a livello nazionale e nTLD negli ultimi anni, .com rappresenta ancora oltre il 75% dei domini di primo livello registrati.

Questo non vuol dire che non dovresti andare con un .io, dipende solo da chi è il tuo pubblico di destinazione e qual è la tua strategia SEO.

Ad esempio x.ai, l'avvio dell'intelligenza artificiale ha avuto un grande successo con il nome di dominio .ai super corto in quanto si lega ai loro affari (che lo start up ha appena raccolto circa 30 milioni di semi)

Alcuni dei nostri clienti startup SaaS hanno avuto un grande successo nel noleggiare un'estensione .io da noi. Poiché il loro pubblico può facilmente associarsi con esso e ciò consente anche loro di ottenere un dominio breve di una sola parola.

Ma se il tuo pubblico di destinazione sono i consumatori di tutti i giorni, tenderei a rimanere con .com solo perché alcuni dei tuoi potenziali clienti che ascoltano il tuo marchio potrebbero digitare .com di default. (Anche se spereresti anche che avessero Google il tuo marchio e se il tuo SEO è fatto bene, verrà mostrato anche il tuo dominio .io)

L'altra considerazione è anche quanto devi spendere in anticipo. I .com distintivi brevi di solito costano almeno 10 volte il costo del loro equivalente .net / .org. Quindi, se il .io è disponibile, potresti voler iniziare con quello prima. In alternativa, puoi provare il servizio Domain Concierge (TM) su NameForest, dove ti suggeriamo domini distintivi disponibili per il noleggio (con un'opzione di acquisto pre-concordata) per limitare la tua spesa iniziale con un buon nome.


Risposta 2:

Dal mio punto di vista personale (con una sfumatura di marketing) .io sembra essere più per le aziende tecnologiche o le start-up di .com che è molto generico e normale. .com ha sicuramente un'aria di legittimità (purché il resto dell'URL non sia assurdo), ma vedo sempre più incredibili .io e altri suffissi URL.


Risposta 3:

Dal mio punto di vista personale (con una sfumatura di marketing) .io sembra essere più per le aziende tecnologiche o le start-up di .com che è molto generico e normale. .com ha sicuramente un'aria di legittimità (purché il resto dell'URL non sia assurdo), ma vedo sempre più incredibili .io e altri suffissi URL.