brama perché ti abbuffi e come fermarti


Risposta 1:

Tutti noi mangiamo troppo di tanto in tanto. Ma se mangi regolarmente troppo mentre ti senti fuori controllo e incapace di fermarti, potresti soffrire di disturbo da alimentazione incontrollata. Puoi mangiare fino al punto di provare disagio, poi essere tormentato da sensi di colpa, vergogna o depressione, picchiarti per la tua mancanza di autocontrollo o preoccuparti di ciò che il mangiare compulsivo farà al tuo corpo. Per quanto impotente possa sentirti riguardo al tuo disturbo alimentare, è importante sapere che il disturbo da alimentazione incontrollata è curabile. Puoi imparare a rompere il ciclo delle abbuffate, sviluppare un rapporto più sano con il cibo e sentirti di nuovo bene con te stesso.

Cos'è il disturbo da alimentazione incontrollata?

Il disturbo da alimentazione incontrollata è un disturbo alimentare comune in cui mangi spesso grandi quantità di cibo mentre ti senti impotente a fermarti ed estremamente angosciato durante o dopo aver mangiato. Il disturbo da alimentazione incontrollata inizia tipicamente nella tarda adolescenza o all'inizio dell'età adulta, spesso dopo una dieta importante. Durante un'abbuffata, puoi mangiare anche quando non hai fame e continuare a mangiare a lungo dopo che sei sazio. Potresti anche abbuffarti così velocemente da registrare a malapena ciò che stai mangiando o assaggiando. A differenza della bulimia, tuttavia, non ci sono tentativi regolari di "rimediare" alle abbuffate attraverso il vomito, il digiuno o l'esercizio eccessivo.

Potresti scoprire che il binge eating è confortante per un breve momento, aiuta ad alleviare emozioni spiacevoli o sentimenti di stress, depressione o ansia. Ma poi la realtà torna indietro e sei invaso da sentimenti di rimpianto e disgusto di te stesso. Il binge eating porta spesso ad aumento di peso e obesità, che rinforza solo il mangiare compulsivo. Peggio ti senti per te stesso e per il tuo aspetto, più usi il cibo per farcela. Diventa un circolo vizioso: mangiare per sentirsi meglio, sentirsi ancora peggio e poi tornare al cibo per trovare sollievo. Per quanto tu possa sentirti impotente a interrompere questo ciclo, ci sono molte cose che puoi fare per gestire meglio le tue emozioni e riprendere il controllo del tuo mangiare e della tua salute.

segni e sintomi

Se soffri di disturbo da alimentazione incontrollata, potresti provare imbarazzo e vergogna per le tue abitudini alimentari e cercare di nascondere i sintomi mangiando in segreto.

Sintomi comportamentali di alimentazione incontrollata e eccesso di cibo compulsivo

Incapacità di smettere di mangiare o controllare ciò che stai mangiando

Mangiare rapidamente grandi quantità di cibo

Mangiare anche quando sei pieno

Nascondere o accumulare cibo da mangiare in seguito in segreto

Mangiare normalmente con gli altri, ma rimpinzarsi quando sei solo

Mangiare continuamente durante il giorno, senza orari programmati

Sintomi emotivi

Sensazione di stress o tensione alleviati solo mangiando

Imbarazzo per quanto stai mangiando

Sentirsi intorpidito mentre si abbuffa, come se non fossi davvero lì o se fossi sul pilota automatico.

Non ti senti mai soddisfatto, non importa quanto mangi

Sentirsi in colpa, disgustato o depresso dopo aver mangiato troppo

Disperazione per controllare il peso e le abitudini alimentari

Soffri di disturbo da alimentazione incontrollata?

Ti senti fuori controllo quando mangi?

Pensi sempre al cibo?

Mangi di nascosto?

Mangi finché non ti senti male?

Mangi per sfuggire alle preoccupazioni, alleviare lo stress o consolarti?

Ti senti disgustato o ti vergogni dopo aver mangiato?

Ti senti impotente a smettere di mangiare, anche se lo desideri?

Più risposte "sì", più è probabile che tu abbia il disturbo da alimentazione incontrollata.

Cause ed effetti

In generale, ci vuole una combinazione di cose per sviluppare il disturbo da alimentazione incontrollata, inclusi i geni, le emozioni e l'esperienza.

Fattori di rischio sociali e culturali. La pressione sociale per essere magri può aumentare i tuoi sentimenti e alimentare il tuo mangiare emotivo. Alcuni genitori preparano inconsapevolmente il terreno al binge eating usando il cibo per confortare, licenziare o premiare i propri figli. Anche i bambini che sono esposti a frequenti commenti critici sul loro corpo e sul loro peso sono vulnerabili, così come quelli che hanno subito abusi sessuali durante l'infanzia.

Fattori di rischio psicologico. La depressione e il binge eating sono fortemente collegati. Molti mangiatori incontrollati sono depressi o lo sono stati prima; altri possono avere problemi con il controllo degli impulsi e la gestione e l'espressione dei propri sentimenti. Anche la bassa autostima, la solitudine e l'insoddisfazione del corpo possono contribuire al binge eating.

Fattori di rischio biologici. Le anomalie biologiche possono contribuire al binge eating. Ad esempio, l'ipotalamo (la parte del cervello che controlla l'appetito) potrebbe non inviare messaggi corretti su fame e sazietà. I ricercatori hanno anche scoperto una mutazione genetica che sembra causare dipendenza da cibo. Infine, ci sono prove che bassi livelli di serotonina chimica del cervello svolgono un ruolo nel mangiare compulsivo.

Effetti del disturbo da alimentazione incontrollata

Il binge eating porta a un'ampia varietà di problemi fisici, emotivi e sociali. È più probabile che tu soffra di problemi di salute, stress, insonnia e pensieri suicidi rispetto a chi non ha un disturbo alimentare. Potresti anche provare depressione, ansia e abuso di sostanze oltre a un sostanziale aumento di peso.

Per quanto tetro possa sembrare, tuttavia, molte persone sono in grado di riprendersi dal disturbo da alimentazione incontrollata e invertire gli effetti malsani. Puoi farlo anche tu. Il primo passo è rivalutare il tuo rapporto con il cibo.

Suggerimento 1 per il recupero da alimentazione incontrollata: Sviluppa un rapporto più sano con il cibo

Il recupero da qualsiasi dipendenza è impegnativo, ma può essere particolarmente difficile superare il binge eating e la dipendenza da cibo. A differenza di altre dipendenze, la tua "droga" è necessaria per la sopravvivenza, quindi non hai la possibilità di evitarla o sostituirla. Invece, devi sviluppare una relazione più sana con il cibo, una relazione basata sul soddisfacimento dei tuoi bisogni nutrizionali, non quelli emotivi. Per fare questo, devi interrompere il ciclo di alimentazione incontrollata:

Ciclo di abbuffate

Evitare le tentazioni. È molto più probabile che tu mangi troppo se hai cibo spazzatura, dessert e snack malsani in casa. Elimina la tentazione liberando il frigorifero e gli armadi dai tuoi cibi abbuffati preferiti.

Ascoltando il tuo corpo. Impara a distinguere tra fame fisica ed emotiva. Se hai mangiato di recente e non hai lo stomaco che brontola, probabilmente non hai molta fame. Dai tempo alla brama di passare.

Mangiare regolarmente. Non aspettare di morire di fame. Questo porta solo a mangiare troppo! Attenersi agli orari dei pasti programmati, poiché saltare i pasti spesso porta a abbuffate nel corso della giornata.

Non evitare il grasso. Contrariamente a quanto potresti pensare, i grassi alimentari possono effettivamente aiutarti a evitare di mangiare troppo e aumentare di peso. Cerca di incorporare grassi sani a ogni pasto per farti sentire soddisfatto e pieno.

Combattere la noia. Invece di fare spuntini quando sei annoiato, distratti. Fai una passeggiata, chiama un amico, leggi o intraprendi un hobby come la pittura o il giardinaggio.

giovane donna sul divano con popcorn

Mangiare emotivo: come riconoscere e fermare il mangiare emotivo

Concentrandosi su ciò che stai mangiando. Quante volte ti sei abbuffato in uno stato quasi di trance, senza nemmeno goderti quello che stai consumando? Invece di mangiare inconsapevolmente, sii un mangiatore consapevole. Rallenta e assapora le consistenze e i sapori. Non solo mangerai di meno, ma ti divertirai di più.

L'importanza di decidere di non mettersi a dieta

Dopo un'abbuffata, è naturale sentire il bisogno di dieta per compensare l'eccesso di cibo e per rimettersi in sesto con la propria salute. Ma la dieta di solito si ritorce contro. La privazione e la fame che derivano da una dieta rigorosa innesca il desiderio di cibo e il bisogno di mangiare troppo.

Invece di stare a dieta, concentrati sul mangiare con moderazione. Trova cibi nutrienti che ti piacciono e mangia solo finché non ti senti soddisfatto, non scomodamente ripieno. Evita di vietare o limitare determinati alimenti, perché potresti desiderarli ancora di più. Invece di dire "Non posso mai mangiare il gelato", dì "Mangerò il gelato come regalo occasionale".

Suggerimento 2: trova modi migliori per nutrire i tuoi sentimenti

Uno dei motivi più comuni per il binge eating è il tentativo di gestire emozioni spiacevoli come stress, depressione, solitudine, paura e ansia. Quando hai una brutta giornata, può sembrare che il cibo sia il tuo unico amico. Il binge eating può temporaneamente far evaporare nel nulla sentimenti come stress, tristezza, ansia, depressione e noia. Ma il sollievo è molto fugace.

Identifica i fattori scatenanti con un diario alimentare e dell'umore

Uno dei modi migliori per identificare i modelli dietro il tuo binge eating è tenerne traccia con un diario del cibo e dell'umore. Ogni volta che mangi troppo o ti senti obbligato a raggiungere la tua versione di kryptonite, cibo confortevole, prenditi un momento per capire cosa ha innescato la voglia. Se torni indietro, di solito troverai un evento sconvolgente che ha dato il via all'abbuffata.

Annota tutto nel tuo diario del cibo e dell'umore: cosa hai mangiato (o volevi mangiare), cosa ti ha turbato, come ti sentivi prima di mangiare, cosa sentivi mentre stavi mangiando e come ti sei sentito dopo. Nel tempo, vedrai emergere uno schema.

Impara a tollerare i sentimenti che scatenano il tuo abbuffate

La prossima volta che senti il ​​bisogno di abbuffarti, invece di arrenderti, fermati un momento e investiga su cosa sta succedendo dentro.

Identifica l'emozione che stai provando. Fai del tuo meglio per nominare ciò che senti. È ansia? Vergogna? Senza speranza? Rabbia? Solitudine? Paura? Vuoto?

Accetta l'esperienza che stai vivendo. L'evitamento e la resistenza rendono solo più forti le emozioni negative. Cerca invece di accettare ciò che provi senza giudicare né te stesso né esso.

Scava più a fondo. Esplora cosa sta succedendo. Dove senti l'emozione nel tuo corpo? Che tipo di pensieri ti passano per la testa?

Allontanati. Renditi conto che NON sei i tuoi sentimenti. Le emozioni sono eventi passeggeri, come nuvole che si muovono nel cielo. Non definiscono chi sei.

Stare seduti con i tuoi sentimenti può sembrare estremamente a disagio all'inizio. Forse addirittura impossibile. Ma mentre resisti all'impulso di abbuffarti, inizierai a capire che non devi arrenderti. Ci sono altri modi per farcela. Anche le emozioni che sembrano intollerabili sono solo temporanee. Passeranno rapidamente se smetti di combatterli. Hai ancora il controllo. Puoi scegliere come rispondere.

Per una guida passo passo per imparare a gestire le emozioni spiacevoli e spiacevoli, controlla il Toolkit di intelligenza emotiva gratuito di HelpGuide.

Suggerimento 3: riprendi il controllo delle voglie

A volte sembra il bisogno di abbuffarsi senza preavviso. Ma anche quando sei in preda a un impulso apparentemente opprimente e incontrollabile, ci sono cose che puoi fare per aiutarti a mantenere il controllo.

Accetta l'impulso e cavalcalo, invece di cercare di combatterlo. Questo è noto come "urgenza del surf". Pensa all'impulso di abbuffarti come un'onda oceanica che presto crollerà, si spezzerà e si dissolverà. Quando superi l'impulso, senza cercare di combattere, giudicare o ignorarlo, vedrai che passa più rapidamente di quanto pensi.

Distraiti. Tutto ciò che attira la tua attenzione funzionerà: fare una passeggiata, chiamare un amico, guardare qualcosa di divertente online, ecc. Una volta che ti interessi a qualcos'altro, la voglia di abbuffarti potrebbe svanire.

Parlare con qualcuno. Quando inizi a notare il bisogno di abbuffarti, rivolgiti a un amico o un familiare di cui ti fidi. Condividere ciò che stai attraversando può aiutarti a sentirti meglio e scaricare la voglia di abbuffarti.

Ritardo, ritardo, ritardo. Anche se non sei sicuro di essere in grado di combattere il bisogno di abbuffarti, sforzati di ritardarlo. Prova a resistere per 1 minuto. Se ci riesci. Cerca di allungarlo fino a 5 minuti. Se indugi abbastanza a lungo, potresti essere in grado di evitare l'abbuffata.

Suggerimento 4: sostenersi con abitudini di vita sane

Quando sei fisicamente forte, rilassato e ben riposato, sei maggiormente in grado di gestire le palle curve che la vita inevitabilmente ti lancia sulla strada. Ma quando sei già esausto e sopraffatto, qualsiasi piccolo inconveniente ha il potenziale per mandarti fuori dai binari e dritto verso il frigorifero. L'esercizio fisico, il sonno e altre abitudini di vita salutari ti aiuteranno a superare i momenti difficili senza mangiare troppo.

Trova il tempo per fare esercizio fisico regolare. L'attività fisica fa miracoli per il tuo umore e i tuoi livelli di energia, ed è anche un potente riduttore di stress. I naturali effetti di miglioramento dell'umore dell'esercizio fisico possono aiutare a porre fine al mangiare emotivo.

Dormi a sufficienza ogni notte. Quando non dormi quanto ti serve, il tuo corpo desidera ardentemente cibi zuccherini che ti daranno una rapida carica di energia. La privazione del sonno può anche innescare la dipendenza da cibo. Riposarsi a sufficienza aiuta a controllare l'appetito, a ridurre il desiderio di cibo e a sostenere il tuo umore.

Connettiti con gli altri. Non sottovalutare l'importanza di relazioni strette e attività sociali. È più probabile che soccomberai alle abbuffate se non hai una solida rete di supporto. Parlare aiuta, anche se non con un professionista.

Donna senza stress in amaca

Gestione dello stress: tecniche di autoaiuto

Gestisci lo stress. Uno degli aspetti più importanti del controllo del binge eating è trovare modi alternativi per gestire lo stress e altri sentimenti opprimenti senza usare il cibo. Questi possono includere la meditazione, l'uso di strategie di rilassamento sensoriale e la pratica di semplici esercizi di respirazione.


Risposta 2:

Soffro dello stesso problema. Ho mangiato molto in questo mese, quasi ogni singolo giorno. Ho paura di pensare a quanto peso ho guadagnato. Mi sono sentito molto depresso e triste.

Penso che la cosa peggiore sia trovarsi in un ambiente in cui c'è cibo. Per me la cosa peggiore è essere al piano di sotto, vicino alla cucina, perché so che è facile andare avanti e indietro in cucina. Quando sono nella mia stanza al piano di sopra ho meno probabilità di abbuffarmi perché non posso essere disturbato a continuare a salire e scendere le scale per il cibo. Anche nella mia stanza sono più occupata perché non ho la TV e mi occupo di più dei miei hobby come dipingere e scrivere. Oggi ho scritto un po 'e non ho pensato affatto al cibo! In effetti, ho cenato molto più tardi del normale perché ero solo appassionato di scrittura. Lo stesso quando faccio lavori artistici. Tendo a mangiare quando guardo la TV. Penso che guardare la TV sia una di quelle attività in cui è solo un'abitudine mangiare, come molte persone mangiano i popcorn quando vanno al cinema e le persone cenano davanti alla TV o mangiano un sacco di patatine mentre guardano la TV . Gli psicologi dicono che non dovresti mangiare quando stai facendo qualcosa o hai la mente su qualcos'altro come guardare la TV o essere al computer perché non stai prestando attenzione al mangiare e quando sei pieno. Mangiare davanti alla TV o al computer diventa un'attività insensata. Lo faccio sempre, il che è brutto. Lo sto anche facendo adesso!

Forse fai un hobby o un po 'di esercizio per distogliere la mente dal cibo. Assicurati anche di mangiare correttamente anche durante il giorno e di avere qualcosa da mangiare come verdure e proteine. Alcune persone tentano di mangiare molto poco per compensare le abbuffate; mangeranno poco durante il giorno, ma alla sera saranno famelici. Non cercare di seguire diete ipocaloriche per compensare le abbuffate perché ti farà venire voglia di abbuffarti di più. Mangia normalmente e non preoccuparti delle calorie e della dieta, mangia quello che ti piace ma con moderazione.

Le serate per me sono le peggiori per le abbuffate perché è il momento in cui la mia depressione e la mia solitudine sono le peggiori. Cerca di capire quando ti abbuffi di più e il motivo. Se tendi ad abbuffarti la sera, magari organizza un incontro con alcuni amici o vai a un corso di ginnastica o fai un hobby. Mangio spesso quando mi sento depresso. Quando siamo a corto di cibo spesso mangiamo per comodità. Se ti abbuffi perché ti senti giù, forse prova a parlarne con qualcuno; chiama un amico o scrivi in ​​un diario. Forse vedi un terapista se ti senti davvero male. Vado in terapia perché attualmente sono in un brutto posto.

Prendilo un giorno alla volta. Se hai voglia di abbuffarti, forse compra cibo con meno calorie per abbuffarti o prova a diminuire lentamente l'apporto calorico quando ti abbuffi. Ad esempio, se ti abbuffi in media di 5.000 calorie al giorno, la prossima volta che soccombi a un'abbuffata, abbuffati di 4.000 calorie. Ci sto provando. Invece di abbuffarmi di 3.500-4.000 calorie, sto cercando di ridurle lentamente a 2.5oo-3.000 calorie e andrò in palestra. La prossima volta che ho voglia di abbuffarmi cercherò di abbuffarmi più piccoli e abbuffarmi di cose con meno calorie. Oggi ho trovato questo gelato al gusto di torta di carote senza glutine, che non ha molte calorie e ha un sapore davvero buono! Anche lo yogurt gelato è molto più basso in calorie rispetto al gelato! C'è un marchio di popcorn a basso contenuto di grassi che fa un sacco di sapori.

Binging per me è qualcosa con cui ho lottato per anni. Come alcune persone fumano, bevono o assumono droghe quando si sentono deboli o ansiose, uso il cibo per farmi sentire meglio, solo che finisco per sentirmi peggio. È bello in questo momento, ma il giorno dopo ho una sbornia così grave che non voglio alzarmi dal letto perché mi sento così disgustoso e grasso.

Cerca di mangiare cibi sani e sazianti. Ho iniziato a mangiare patate dolci, che adoro. Ho anche trovato queste patatine fritte di patate dolci al supermercato che sono a basso contenuto di calorie e deliziose! Adoro le verdure, il pollo alla griglia, il riso e il salmone. Parlare di questi cibi mi sta facendo desiderare cibi sani ora! Ci sono così tanti cibi sani là fuori, che sono deliziosi e sostanziosi. Cioccolato e patatine possono avere un buon sapore, ma hanno poco valore nutritivo e diventa noioso averli tutto il tempo. Dopo quasi un mese di cibo spazzatura, sono stufo di patatine e cioccolato. È solo diventata un'abitudine.

Anche l'esercizio fisico può aiutare a smettere di ridurre le abbuffate perché spesso non ho voglia di annullare il duro lavoro che ho fatto durante un allenamento. Fai esercizio che ti piace e non ucciderti in palestra per compensare le abbuffate. Farei sessioni di allenamento pesanti, ma finisco per sentirmi distrutto e non voglio andare in palestra. È importante ascoltare il tuo corpo.

Spero che il mio consiglio sia stato d'aiuto. Se vuoi parlare, inviami un PM!


Risposta 3:

Quindi, quando alle persone viene detto di controllare il loro mangiare, di solito è per paura di essere grasse. Probabilmente hai avuto paura di essere grasso, il che ti ha portato ad aver paura di mangiare. Ben presto divenne un "piacere colpevole". Senso di colpa: ho appena mangiato del cibo. Piacere-cibo mi fa sentire bene (risposta BIOLOGICA) che alla fine si è trasformato in una sorta di "uso di droghe" hai iniziato ad abusare di questo piacere.

Ora, Mangio ANCHE abbuffata. Perché? Quando cerco di controllare il mio mangiare, tutto al di fuori del "cibo salutare" diventa un'abbuffata e mi sento in colpa per questo. Questo mi porta a stare male. Allora voglio stare bene. Questo porta al mio farmaco di scelta = CIBO. Poi mi abbuffo e mi sento di nuovo in colpa = ciclo.

Sfida = Mangia quello che cazzo vuoi E presta attenzione alla risposta del corpo. MI SENTO PIENO? Il mio stomaco si sta stirando?!?! Sì. Stomaco allungato. RISPARMIA IL CIBO PER DOPO. (Voce da uomo delle caverne) NON SI SENTIRÀ COLPEVOLE. Mangiare normalmente. Nessuna colpa !!!

Ora, probabilmente sei già grasso e hai un sacco di fottuti problemi a causa di ciò che è mentale e fisico. Vale comunque la pena provare. Nel momento in cui dici: "POSSO mangiare questo se lo desidero. POSSO finire questo se lo desidero. NON mi sentirò in colpa per questo "

Potrebbe cambiare quel ciclo in cui ti trovi.

Senso di colpa-> piacere-> colpa-> piacere

Suggerimento 2- Trova un modo per incanalare l'aggressività attraverso l'esercizio.

Suggerimento 3: leggi Psycho-Cybernetics di Maxwell Maltz

Suggerimento 4- SELF CARE = ​​dipingi le unghie, taglia i capelli, compra qualcosa di carino per farti sembrare bello il viso, balla in soggiorno, visualizza in modo creativo, leggi i blog di body positive, guarda i video di YouTube Body Positive, guarda i TUMBLR Body Positive, fermati odiando te stesso, inizia a vivere te stesso

Spero che questo abbia aiutato anche un po '

Xo


Risposta 4:

Poco prima della fine dell'anno scorso, avevo voglia di cibo e mangiato 5 pasti - 2 spuntini tra e bramando cibi tutto il tempo. Il mio corpo desiderava anche cibi zuccherini, naturali o lavorati. Per un po ', anche se stavo mangiando cibi non trattati, stavo ancora ingrassando e soprattutto intorno alla pancia e mi sentivo stanco. Ho deciso di cercare di fare qualcosa al riguardo. Ho scoperto per caso il digiuno intermittente. Sono passate solo sei settimane da quando ho iniziato e non ho mai guardato indietro. Ho notato di aver perso peso, ho un aspetto più sano, la mia pelle risplende e sono più energico per tutto il giorno, soprattutto durante il digiuno.

Il digiuno intermittente è il processo di digiuno per un periodo in un giorno senza cibo e che consente solo bevande non caloriche, ad esempio acqua, tisane o caffè nero per 16 ore. Il resto delle 24 ore (8 ore) ti è permesso mangiare. Per ridurre il peso e produrre una salute ottimale, la ricerca ha scoperto che se si mangiano meno carboidrati e cibi ricchi di grassi, si accelera il processo. Inoltre stai lontano da cibi non trasformati e zuccherini anche da alcuni frutti. Ci sono molti altri benefici per la salute nel digiuno intermittente che non conoscevo oltre alla perdita di peso, ad es. aumento della memoria, diminuzione delle malattie cardiache e della depressione.

Il digiuno intermittente esiste da molto tempo. Tuttavia, la società umana è stata condizionata a mangiare durante il giorno e ha sottolineato l'importanza di mangiare almeno 3 pasti, il che è davvero una sciocchezza. I nostri corpi non sono realmente progettati per funzionare e digerire allo stesso tempo. Dobbiamo riposare e riparare. Un tipico periodo di digiuno è dalle 20:00 alle 12:00. Da mezzogiorno, puoi mangiare durante quella finestra fino alle 20:00 per recuperare 24 ore. Puoi aumentare i periodi di digiuno in seguito, dopo settimane di prove. Più a lungo digiuni e mangi dopo aver interrotto quel digiuno, più è vantaggioso per te. I risultati sono sorprendenti.

Non mi abbuffo più né mangio eccessivamente né bramo molti cibi. Questo nuovo modo di vivere mi ha permesso di riprendere il controllo. Suggerisco di leggerlo prima di fare la mossa e se stai assumendo farmaci, chiedi consiglio al tuo medico prima di iniziare se intendi apportare alcune modifiche. È una trasformazione sorprendente. Spero che questo ti aiuti.


Risposta 5:
  1. Investi in diversi ceppi di probiotici
  2. Per prima cosa segui un piano alimentare a basso contenuto di carboidrati - sbarazzati di tutti gli zuccheri, le farine e preferibilmente la maggior parte dei latticini - questo smetterà di nutrire i batteri cattivi che stai usando i probiotici per combattere - questo è ciò che ti sta causando abbuffate.
  3. Quando ti senti a tuo agio con il basso contenuto di carboidrati - possono essere necessari circa 40 giorni per ottenere una bella testa chiara e priva di nebbia - inizia a mangiare più verdure. Se sei alla disperata ricerca di qualcosa di dolce, scegli bacche o cioccolato a basso contenuto di carboidrati (puoi farlo facilmente usando liquore al cacao e stevia)
  4. A questo punto dovresti aver perso un po 'di peso e notare il cambiamento nel tuo appetito. A questo punto inizi ad assicurarti di avere delle verdure crude nel piatto e mangiale prima di mangiare il resto del pasto.
  5. Inizia ad aumentare le verdure. In realtà sono più importanti della carne che probabilmente stai mangiando poiché hai un basso contenuto di carboidrati. Se devi berlo per abbatterli, impara a fare un frullato di zenzero verde cioccolato con stevia. Ne ottengo circa 10 al giorno.
  6. Ora assicurati di prendere le dieci verdure prima di mangiare qualsiasi altra cosa, così il tuo consumo di carne o pesce dovrebbe iniziare a diminuire. Ora hai anche un controllo molto migliore del tuo mangiare, perché i tuoi batteri intestinali sono tornati in equilibrio.
  7. Goditi la mente lucida, il controllo sulla tua vita e una maggiore energia. Scommetto che anche tu ora sembri più giovane.

Fondamentalmente, stai abbuffando perché non stai mangiando abbastanza da contenere un'alimentazione positiva. La nutrizione negativa (spazzatura) ti fa desiderare costantemente più cibo perché non ottieni ciò di cui hai bisogno.


Risposta 6:

Tre parole: proteine, proteine, proteine.

Potrebbero esserci ragioni psicologiche per mangiare troppo. Dai problemi seri alla noia. Non posso aiutarti con gravi problemi psicologici. Ma fisicamente il problema sono le proteine, o la loro mancanza.

Sono fermamente convinto (dopo quasi 4 decenni di uno stile di vita da bodybuilding abbastanza snello) che non mangiare abbastanza proteine ​​sia il fondamento dell'eccesso di cibo.

Il tuo corpo ha bisogno di una certa quantità di proteine ​​per funzionare e ti guiderà a ottenerla! Il tuo corpo può produrre proteine ​​dagli amminoacidi, ma potresti aver bisogno di molto cibo scadente per ottenere finalmente gli aminoacidi di cui hai bisogno. Se fate! Potresti mangiare Doritos per sempre cercando di soddisfare il tuo deficit proteico. Notizie FLASH! Non succederà!

Tra questa umile verità sulla dieta e cultura e marketing, hai praticamente spiegato il problema dell'eccesso di cibo. Per quanto riguarda la cosa, consiglierei di prendere l'abitudine di cibi ad alto contenuto proteico e (non troppo rapidamente) di diminuire le calorie.

Se ho ragione, sei entrato in un ciclo di feedback negativo. Devi combattere gli ormoni che il tuo corpo è abituato a produrre. Questi ormoni ti fanno desiderare le cose e avere fame. Il mio metodo semplicissimo per ottenere questo risultato è essere ORGOGLIOSO di resistere alle voglie. Sii orgoglioso di prendere il controllo!

Inizia con le proteine!

PS: NON provare a farlo dall'oggi al domani !!

So che questo era semplice e vago. Ma la dieta e l'allenamento sono molto ovvi per me. Se desideri parlare di informazioni più dettagliate, sentiti libero di inviarmi un messaggio!


Risposta 7:

Una nuova ricerca sta aiutando la comunità medica a comprendere meglio i disturbi da alimentazione incontrollata, portando a più opzioni di trattamento e la capacità di adattare la cura del paziente in un modo che migliora le possibilità di successo.

Una persona con

disturbo da alimentazione incontrollata

consuma regolarmente grandi quantità di cibo, spesso rapidamente e fino al punto di disagio. Alcune persone che si abbuffano si purgano vomitando o facendo un uso eccessivo di lassativi, mentre altre non cercano di sbarazzarsi del cibo. Le persone con disturbo da alimentazione incontrollata possono essere di peso normale o obese. Di solito sentono una perdita di controllo durante l'abbuffata e in seguito si sentono vergognosi, colpevoli e deboli. Il binge eating colpisce il 3,5% delle donne negli Stati Uniti, il 2% degli uomini e fino all'1,6% degli adolescenti, secondo la National Eating Disorders Association.

Che cos'è il disturbo da alimentazione incontrollata?

Il binge eating coinvolge fattori sia comportamentali che fisici che possono amplificarsi a vicenda e motivare il paziente a mangiare in modo eccessivo. Entrambi i fattori devono essere affrontati per gestire con successo l'abbuffata, ma in passato si è concentrato quasi interamente sui tratti comportamentali.

Queste associazioni mostrano che il binge eating mette il paziente a rischio di qualcosa di più del semplice aumento di peso. Quando si cerca assistenza per un paziente con disturbo da alimentazione incontrollata, è importante ricordare che la nostra comprensione di questo problema è notevolmente migliorata negli ultimi anni, creando un'opportunità per un trattamento più efficace. Gli specialisti in obesità e abbuffate stanno beneficiando di un crescente corpo di ricerca che illustra i punti di forza e di debolezza delle diverse opzioni di trattamento, consentendo loro di fornire un piano di trattamento che offre al paziente le migliori possibilità di successo.


Risposta 8:

1.) Stabilisci un programma giornaliero: cosa farai prima di colazione? Quali sono i tuoi programmi durante la giornata? Non lasciare che la noia o il tempo libero ti provocino abbuffate. Preparati per ogni ora del giorno, ogni giorno.

2.) Quando provi voglie e se pensi già di aver fallito e ti stai preparando per l'abbuffata, concediti 20-30 minuti prima di procedere. Sii intelligente e trova qualcosa da fare entro questi 20 minuti. Altro che aspettare che passi e pensare al cibo e alle abbuffate. Fai una doccia fredda, leggi un libro, fai una passeggiata di 20 minuti. Ti assicuro, le tue voglie saranno meno intense. A volte se ne andranno del tutto ea volte no, ma saranno molto meno intensivi. E questa è la tua opportunità. Sarà molto più facile combattere e sconfiggere le tue voglie in questo modo. E avrai molto più successo.

3.) L'educazione sul disturbo da alimentazione incontrollata è fondamentale. Devi capire cosa sta succedendo nella tua testa e nel tuo corpo. Ecco un ottimo e

app mobile gratuita

dove puoi imparare tutto quello che c'è da imparare sulla dipendenza da cibo e sul LETTO. Hanno un processo terapeutico di 90 giorni in cui sblocchi un nuovo video animato ogni giorno, dove impari da zero su BED e dipendenza da cibo, come e perché si sviluppa, quali sono alcune delle tecniche e delle terapie che gli psicologi usano per farlo, come per affrontare più facilmente e molti altri trucchi. C'è anche una sezione community in cui le persone condividono le loro storie e le loro motivazioni.

4.) Circondati di persone che ti supportano. Apriti agli altri. È molto più facile far fronte quando hai qualcuno con cui parlare.


Risposta 9:

Il recupero dal disturbo da alimentazione incontrollata può essere un processo incerto. Forse ti preoccupi di muoverti troppo velocemente o di non fare abbastanza progressi. La buona notizia è che stai prendendo provvedimenti per recuperare.

Le fasi di base del recupero da comportamenti di dipendenza sono le stesse per tutti. I ricercatori lo chiamano "fasi del cambiamento". Sono cinque azioni specifiche che le persone eseguono quando si riprendono da comportamenti problematici come l'abbuffata. Comprenderli può darti motivazione e orientamento man mano che migliori.

Ecco uno sguardo a ciascuna fase e cosa puoi fare adesso per aiutarti a recuperare:

  • Fase 1: renditi conto che il binge eating fa male alla salute. Può portare a diabete, ipertensione, problemi cardiaci e altri problemi legati al troppo peso.
  • Fase 2: consultare un medico, un terapista, un nutrizionista o un altro specialista in disturbi alimentari. Ti aiuteranno a capire perché ti abbuffi e a capire come influisce sulla tua vita.
  • Fase 3: parla con amici e familiari di cui ti fidi di più. Metti insieme un team di supporto a cui puoi chiedere aiuto quando ne hai bisogno.
  • Fase 4: sappi che questa è una fase difficile. Potresti ricadere. Non arrenderti. Fidati del tuo team di trattamento. Lavoreranno con te per aiutarti a stare meglio.
  • Fase 5: concentrarsi su nuovi interessi che non implicano il mangiare. Prendi un hobby o iscriviti a un club. Fai attenzione allo stress e ad altri fattori scatenanti che potrebbero portarti a un'altra abbuffata.

Puoi anche guardare questo E-Magazine:

Liberator Issue # 3

e questo blog:

Problemi alimentari

. Riguardano i disturbi alimentari e sono estremamente utili.

Abbi fede. Sappi che puoi migliorare. La tua famiglia e i tuoi amici saranno lì per mantenerti motivato.

Riferimenti:

Disturbo da alimentazione incontrollata: fasi di cambiamento e recupero